Transizione ecologica: prenti i bandi PNRR per 10 miliardi

transizione ecologica e gestione rifiuti

Transizione ecologica: prenti i bandi PNRR per 10 miliardi

Smart grid e comunità energetiche, questi i focus dei bandi PNRR per la transizione ecologica. Ma 4,2 miliardi, di cui il 40% al Sud, sono destinati agli impianti di gestione rifiuti.

Transizione ecologica: nuovi bandi per 10 miliardi

In arrivo nei prossimi mesi nuovi bandi per quasi 10 miliardi di euro. Tutti dedicati alla transizione ecologica.

Ricapitolando i bandi già avviati (2,57 miliardi di euro):

  • impianti di gestione di rifiuti e ammodernamento di quelli esistenti (1,5 miliardi);
  • progetti “faro” di economia circolare (600 milioni);
  • isole verdi (200 milioni);
  • interventi per la sostenibilità ambientale dei porti (270 milioni).

Di seguito invece i bandi da avviare (9,86 miliardi di euro):

  • sviluppo agrovoltaico (1,10 miliardi);
  • promozione rinnovabili per le comunità energetiche e l’auto-consumo (2,20 miliardi);
  • sviluppo del biometano (1,92 miliardi);
  • rafforzamento smartgrid (3,61 miliardi);
  • interventi su resilienza climatica reti (500 milioni);
  • sviluppo di sistemi di teleriscaldamento (200 milioni);
  • tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano (330 milioni).

 

Impianti di gestione rifiuti:proroga del bando PNRR

Il 16 marzo 2022 è giunto alla scadenza il bando per nuovi impianti di gestione rifiuti e ammodernamento esistenti.

Bando prorogato di un mese, con assegnazione degli interventi entro fine 2023, al fine di promuovere una partecipazione maggiore da parte delle imprese e delle pubbliche amministrazioni del Mezzogiorno.
Considerando che il bando prevede 1,5 miliardi di stanziamento e 4,2 miliardi di richieste (quasi il triplo), e che il 40% di esse fa capo alle Regioni del Sud (a febbraio era pari al solo 25% delle richieste).

L’obiettivo del bando coincide con la Missione 2 del PNRR, dunque rivoluzione verde e transizione ecologica. L’obbiettivo è quello di rispondere alla necessità di migliorare la gestione dei rifiuti attraverso la meccanizzazione della raccolta differenziata, colmando i divari strutturali del Paese in questo ambito.